Conoscenza reciproca

Alla base di un soddisfacente rapporto fra cliente e Banca vi è anzitutto la conoscenza reciproca. Spetta al Private Banker, nei suoi incontri preliminari col cliente ma anche nel continuo tramite periodiche verifiche, da un lato raccogliere ogni elemento utile per inquadrare la sua situazione patrimoniale e reddituale, le sue necessità ed attese, la sua propensione al rischio e dall’altro illustrare i servizi e prodotti che la Banca può offrire. Quanto più preciso è lo scambio di informazioni tanto più accurata sarà l’identificazione del prodotto o servizio adeguato per il cliente.

Il cliente, nel rapporto con la Banca, ha come interlocutore i Private Bankers.
Alberto Albertini
Alberto Albertini Amministratore Delegato

Il rapporto nel continuo

Il Private Banker è in ogni momento a disposizione del cliente per presentare i risultati conseguiti e più in generale, per dar seguito ad ogni richiesta. Nel caso dei servizi di consulenza e di esecuzione di ordini, è il Private Banker a fornire direttamente il servizio.
Al cliente vengono messi a disposizione tutti gli elementi informativi necessari per valutare l’andamento dei propri investimenti, la loro diversificazione ed il grado di rischio mediante rapporti strutturati su vari livelli di dettaglio. L’informativa viene messa a disposizione del cliente anche tramite accesso Internet.
L’operatività della Banca e i suoi rapporti con la clientela sono regolati come descritto nella informativa di seguito esposta.